domenica 4 gennaio 2015

Storia del radicchio rosso di Treviso, le origini - Pubblicazione di Camillo Pavan

Camillo Pavan, 2013 - Sull'origine del radicchio rosso di Treviso. La leggenda di Van den Borre e la scoperta di Tiziano Tempesta - Con un ritratto di Alberto Albanese Jr. autore della poesia Un fià de la me tera


Copertina della pubblicazione di Camillo Pavan
sull'origine e la storia del radicchio rosso di Treviso
La tecnica della forzatura del radicchio rosso tardivo di Treviso, 
documentata dagli anni '60 dell'Ottocento, 
si è progressivamente affinata grazie 
al contributo di valenti agronomi e soprattutto 
allo spirito di osservazione e capacità di sperimentazione dei contadini locali. 
L'ipotesi che a "inventare" il radicchio nella 
sua forma più pregiata 
sia stato il belga Francesco Van den Borre, 
giunto a Treviso verso il 1860, 
è in realtà un'invenzione 
dello scrittore Giuseppe Maffioli. 
Per sostenere la sua tesi, Maffioli 
ha modificato 
un testo originale di Aldo, figlio di 
Francesco Van den Borre, 
dando origine a un falso storico tuttora acriticamente riproposto 
 - ahimè - anche da Wikipedia. (1)


ebook 1,04

* * *

 NOTA (1) -  Riporto, a titolo di cronaca, quanto scrive riguardo all'origine del radicchio l'enciclopedia online le cui affermazioni ormai fanno testo "a prescindere" data la facilità con cui sono accessibili e l'indubbia autorevolezza chein tanti anni di redazione collettivaWikipedia si è conquistata:

« Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

La coltivazione del Radicchio Rosso di Treviso è frutto di una tradizione che affonda nei secoli. […]. Ma il processo di produzione si sarebbe affinato solo nella seconda metà del XIX secolo. Sarebbe stato il vivaista Francesco Van Den Borre, giunto dal Belgio nel 1870 per realizzare un giardino patrizio, a portare nella zona del Trevigiano la tecnica di imbiachimento [sic] già in uso per le cicorie belga [sic]...»



                                                                                                                          

sulla storia del radicchio 

                                                                                                                          






Nessun commento:

Posta un commento